Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_content&view=frontpage&Itemid=1) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_content&view=frontpage&Itemid=1) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_content&view=frontpage&Itemid=1) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=45&Itemid=2) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=45&Itemid=2) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=45&Itemid=2) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_k2&view=item&layout=item&id=197&Itemid=93) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_k2&view=item&layout=item&id=197&Itemid=93) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_k2&view=item&layout=item&id=197&Itemid=93) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=71&Itemid=94) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=71&Itemid=94) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=71&Itemid=94) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_k2&view=item&layout=item&id=212&Itemid=37) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_k2&view=item&layout=item&id=212&Itemid=37) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_k2&view=item&layout=item&id=212&Itemid=37) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=47&Itemid=50) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=47&Itemid=50) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=47&Itemid=50) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=65&Itemid=48) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=65&Itemid=48) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=65&Itemid=48) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=80&Itemid=41) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=80&Itemid=41) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=80&Itemid=41) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=77&Itemid=11) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=77&Itemid=11) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=77&Itemid=11) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=77&Itemid=12) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=77&Itemid=12) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_k2&view=itemlist&layout=category&task=category&id=77&Itemid=12) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_user&view=login&Itemid=28) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_user&view=login&Itemid=28) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_user&view=login&Itemid=28) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\core\themes\blue\index.php?option=com_user&view=register&Itemid=29) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\templates\magazine\index.php?option=com_user&view=register&Itemid=29) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 Warning: file_exists(): open_basedir restriction in effect. File(C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\base-themes\default\index.php?option=com_user&view=register&Itemid=29) is not within the allowed path(s): (C:/Inetpub/vhosts/rispettalosport.it\;C:\Windows\Temp\) in C:\Inetpub\vhosts\rispettalosport.it\httpdocs\plugins\system\jat3\core\preload.php on line 149 FALLIMENTO E RESPONSABILITA'
Lunedì 06 Aprile 2015 00:00

FALLIMENTO E RESPONSABILITA'

Valuta questo articolo
(0 K2_VOTES)

 


 

 

Dissi la settimana scorsa, e confermo: “il Napoli è crollato, più che per gli avversari, per colpe sue, morto di se medesimo, come avrebbe detto il più bravo di tutti, Gianni Brera”.


Mentre gli avversari volano - la Lazio 7 vittorie su 7, la Roma che faticosamente tiene botta, la Fiorentina come sempre cicala e sprecona ma viva e brillante, unica a rincorrere le romane - il Napoli si è accartocciato su se stesso perdendo un capitale di vantaggio sulle inseguitrici, dagli 8 punti a salire, facendosi scavalcare in tromba da Lazio e Fiorentina, ed allungando il distacco da una derelitta Roma a 9 punti.


Anche la sfida pre-pasquale di mezzogiorno (e mezzo) di fuoco dell’Olimpico con la Roma come ultima spiaggia per gli azzurri è andata male, pur non giocando peggio degli avversari, complice la cervellotica formazione di Benitez, la pessima prova “politica“ di Rizzoli ed i cambi come sempre ottusi e tardivi, nel perfetto stile del terno-Benitez (61-75-81, nonostante un gol preso al 25’).


Un crollo verticale, 5 punti in 7 partite, quasi tutte inguardabili, 2 punti nelle ultime 5, che non può essere un caso, e non bastano alcuni arbitraggi (Calvarese e Rizzoli) a poterlo giustificare, né appellarsi alla sfortuna o alle parate di De Sanctis.


E’ un trend, un tonfo verticale quello a cui assistiamo. Punto e basta. Qualsiasi altra parola è menzognera. Dilapidato un patrimonio, e se non si vince l’Europa League, il disastro economico sarà totale. E’ quindi cominciata la caccia alle responsabilità per il primo fallimento di stagione, il campionato, in attesa e con la speranza che le coppe salvino il salvabile.



CAPITOLO SOCIETARIO


Molti se la prendono con il Presidente, additandolo come causa principale se non unica (i rafaeliti) di tutti i mali.


Alcuni dicono addirittura che questa lotta per le piazze d’onore non ci dovrebbe interessare, perché a noi dovrebbe interessare solo vincere.


È da miopi non capire quanto sia importante per il rafforzamento e la competitività della squadra non andare in Champions.


Un club che strutturalmente fattura 130 milioni e, senza investimenti sulle strutture che possano apportare ricavi diversi dalla gestione sportiva (in questo Aurelio De Laurentiis ha gravi responsabilità per aver segnato il passo), e che ha raggiunto il massimo salary cap possibile, circa 80 milioni di euro, ha solo due strade per trovare risorse da immettere sul mercato: proventi da risultati sportivi e/o plusvalenze da cessioni di calciatori venduti a prezzo superiore a quello pagato al netto dell'ammortamento.


È la via tracciata dagli unici due club non facenti parte dell'élite del calcio europeo che hanno ottenuto grandi risultati negli ultimi anni, Dortmund e Atletico Madrid.


Il Madrid (Atletico) fa utili tutti gli anni, vendendo giocatori importanti e piazzandosi comunque in Champions League (che significa tanti soldi) se non vincendo addirittura qualcosa.


Voglio ricordare che ha vinto uno scudetto dopo aver venduto Radamel Falcao, il più forte centravanti del mondo in quel momento, e puntando su uno sconosciuto che aveva mandato a maturare in provincia, Diego Costa, a sua volta venduto poi. Quindi parliamo in maniera documentata, per favore.


Ai tifosi del piazzamento forse non fregherà niente nell'immediato (ma credo che roda a tutti noi finire sesti anziché secondi), ma dopo vogliono gli investimenti per un Napoli più forte che senza i proventi Uefa, che rappresentano un quaranta per cento del bilancio, non ci saranno.


Il Napoli era la terza forza del campionato, nessuno si è mai illuso di lottare per lo scudetto nonostante i proclami presidenziali estivi, tantomeno io, ma terzi si poteva e doveva arrivare, secondo le previsioni di tutti gli addetti ai lavori, secondo il valore della rosa, il budget disponibile ed il monte salari impegnato, spesso invocato da Mazzarri e dallo stesso Benitez come valore di riferimento (Lazio, Fiorentina e Samp sono inferiori in tutti questi parametri).


Ripeto: se non si lotta per lo scudetto ce la dobbiamo prendere con Aurelio De Laurentiis che non punta a vincere per non sballare i conti, ma se non andiamo in Champions ce la dobbiamo prendere sicuramente con Rafa Benitez che ha fallito il campionato.


Lui andrà via, ed a noi lascerà le macerie. A meno che non vinca la Europa League, che significherebbe pure accesso diretto ai gironi Champions.


Solo così salverebbe la stagione, ma sta rischiando grosso. Era più facile mantenere gli 8 punti di vantaggio sulla quarta e 9 sulla quinta, mi sembra.


Sempre in tema societario, qualcuno mi chiede notizia del “tesoretto” scomparso. Il famoso tesoretto non è altro che gli utili andati a riserva e non distribuiti. Il Napoli ne ha accumulato ben 72 e stanno li, nel bilancio del Napoli, non sono mai scomparsi, sono il forte paracadute di cui si è dotato questa società in caso di perdite future o necessità di spesa (mercato o strutture).


Sono quella che si chiama buona gestione, mai scomparsi, e smettetela di dire sciocchezze. I soldi del Napoli con Aurelio De Laurentiis sono nel Napoli, non come in passato che servivano a far sopravvivere l'imprenditore.


Questa storia degli emolumenti che tirate sempre in ballo è ridicola. Il Napoli non distribuisce gli utili ma li manda a riserva, cioè non li tocca. È ovvio che l'unica fonte di guadagno imprenditoriale sia l'emolumento gestionale. Il più alto della serie A ma proprio perché non tocca gli utili.


Invece di colpire bersagli sbagliati, andate, andiamo al cuore del problema. Che non è alzare il monte salari come fanno le società in perdita che non avendo capacità di spesa prendono bidoni alla frutta a parametro-zero ma con stipendi altissimi.


Il Napoli può spendere, nei limiti del possibile, e deve fare una politica salariale di contenimento del tetto ingaggi se vuole restare solida e forte.


Il problema è invece un altro, e qualcuno di voi l'ha centrato. Aurelio De Laurentiis per sua natura porta avanti un modello di gestione padronale e vuole una struttura societaria snella di tipo inglese, lui e l'allenatore come unico riferimento ed il DS di servizio alle loro volontà, come fosse un organo semplicemente consultivo (proporre giocatori cui il tecnico deve dare l'avallo, vedi Koulibaly), o esecutivo, cioè chiudere i contratti per i giocatori presi dal tecnico.


Ma se fallisce il tecnico il presidente rimane ostaggio di se stesso. E non ha in società una figura che faccia da contraltare al tecnico per autorevolezza e storia.


Non è quindi la buona gestione da mettere sotto accusa, né le cessioni eccellenti, a patto che siano sostituite da acquisti altrettanto buoni però meno costosi, ma il modello societario che porta avanti Aurelio De Laurentiis, di società "leggera" (senza impianti) e padronale, con un allenatore-manager.


Può funzionare solo se si fa veramente come in Inghilterra, con un tecnico che firma per 6-7 anni, al di là dei risultati come Wenger, o come ha fatto di recente Simeone a Madrid.


Con tecnici a scadenza biennale non si va da nessuna parte. E se poi falliscono come quest'anno Benitez sia gli acquisti che il campionato, dopo rialzarsi e ripartire diventa complicato.


E per inciso, l'area tecnica dei club inglesi è presidiata quasi sempre da un ex campione di fiducia della proprietà che fa da contraltare al tecnico-manager.


Vorrei essere paradossale, ma il primo tassello per me per l'anno prossimo, prima del tecnico, ammesso che si continui ad usare un DS come Bigon consultivo e di servizio, deve essere Reja come responsabile dell'area tecnica, e poi il tecnico con un contratto perlomeno biennale con opzione vincolante per il terzo.


De Laurentiis se vuole uscire dall'impasse deve fare quindi due cose: cominciare seriamente a investire sulle strutture che portino ricavi aggiuntivi permanenti e modificare l'impostazione dell'area tecnica, creando una struttura vera, perché quando non si hanno risorse enormi da investire non si possono “toppare” gli acquisti principali, sempre sapendo che nel calcio non si può essere certi di niente, perché puoi prendere il migliore del ruolo sulla carta e poi non ti rende.


La storia è piena di questi casi. A Napoli sono freschi i casi di Inler e Albiol, come in passato Bucchi e De Zerbi. Top player del ruolo nella categoria che hanno fallito. Altri invece sono i bidoni annunciati, vedi Rinaudo, Hoffer, Fideleff, de Guzman, Lopez, acquisti palesemente sbagliati, e tanti altri.

 


CAPITOLO TECNICO


Rafa passa per un Maestro di calcio all’avanguardia di stampo europeo e certo ha un curriculum di grande importanza. Ma ha fatto bene finora? Certo, ha vinto due coppe. Ma in campionato ha fatto disastri quest’anno, così così l’anno corso. Per me la risposta è chiara: no, non ha fatto bene, anche se può ancora salvare la stagione.


Voglio dare una risposta articolata, perché io non sono anti-Benitez, sono semmai un beniteziano deluso, perché col suo arrivo pensavo di aver trovato un allenatore importante che portasse valore aggiunto rispetto al bravo ma limitato Mazzarri, che pure aveva fatto bene ma palesato limiti di personalità e mentalità gravi.


Ed allora interroghiamoci. Allenatore bravo è:


1)     quello che sa insegnare calcio senza sentirsi un Santone: lui lo sa fare ma non fa mai autocritica, ha promesso bel gioco che si è visto l’anno scorso per una decina di splendide importanti partite, poi più nulla. Quest’anno solo la gara con la Roma degna di menzione, davvero splendida, poi solo qualche momento, ma complessivamente il Napoli non ha ancora un gioco, un’organizzazione valida, prende tantissimi gol e sempre gli stessi, gioca male da molto, troppo tempo.


2)      quello che ha un'idea precisa di gioco: d’accordo, lui ce l’ha. Ha una bella mentalità offensiva (la cosa che ci ha fatto innamorare di lui) ed un modulo di gioco chiaro, il 4-2-3-1. Ma non è abiura se ogni tanto durante le gare si adatta alle situazioni. Poi siamo sicuri che giocare a due in mezzo al campo sia la scelta migliore in Italia? Chi altri lo fa da noi?


 3)    quello che riesce ad ottenere giocatori funzionali alla sua idea di gioco: anche su questo aspetto non ci siamo. Lui doveva essere agli occhi dei tifosi il ”garante”, colui che avrebbe costretto De Laurentiis a comprare giocatori importanti. Invece, uscendo colpevolmente dalla Champions a Bilbao contro una squadra inferiore (ci ha messo molto del suo con dichiarazioni e scelte di formazioni assurde, e per favore non invochiamo i Mondiali ad attenuante perché è un falso problema visto che 7/11 schierati hanno fatto la preparazione estiva ed al Mondiale non ci sono andati proprio), ha messo il club nelle condizioni di non poter spendere somme importanti. Inoltre lui stesso ha avallato la scelta di Koulibaly sin da gennaio, ha preteso de Guzman, un suo pallino (contro le relazione dello scouting che lo avevano bocciato), ha bloccato la cessione di Britos, ha scommesso – perdendo - sul recupero di Michu, dilapidando quasi 5 milioni di euro tra prestito e stipendio, si è accontentato di Lopez da lui individuato dopo che erano saltati Gonalons e Kramer già “chiusi” ma che per motivi ambientali avevano rifiutato all’ultimo momento; per non dimenticare che l’anno scorso ha portato Albiol ad una cifra altissima, un vero “pacco”;


4)    quello che sa al contempo però adattare le sue idee alle caratteristiche dei giocatori che ha a disposizione: dice un vecchio mestierante come Castori, il profeta di Carpi (con buona pace di Lotito), che ne ha viste tante: “L’allenatore è come un sarto, deve fare il vestito a misura con la stoffa che ha”, Se c’è una colpa assoluta di Benitez è proprio questa. Non lo fa, non lo vuole fare, non lo sa fare. Avendo in rosa gente come Hamsik, Jorginho, Inler, Mertens, Insigne, Callejon, tutta gente adatta al 4-3-3 e non in grado di fare bene il suo modulo, lui non ha mai cambiato o provato a cambiare neanche funzionalmente a fasi della gara. Ora che ha Gabbiadini e con gli esterni che non vanno, non ha mai preso in considerazione il 4-3-1-2; né ha mai provato a mettere Zapata vicino a Higuain nel 4-4-2 mascherato che lui di fatto usa fare, mentre lo faceva con Pandev anche quando era autolesionismo bello e buono, come a Dortmund dove bastava un pareggio ed era più giusto infoltire ed irrobustire il centrocampo. Mai un tentativo che fosse uno di cambiare le cose anche quando andavano e vanno palesemente male. No, la colpa è dell’arbitro, dei giocatori che no n sono maturi, mai sua;


5)    quello che sa dare le giuste motivazioni alla squadra: si è sempre detto che il Napoli di Benitez è grande con le grandi e piccolo con le piccole, e parzialmente anche Orma ha dato questa risposta, visto il secondo tempo del Napoli che avrebbe meritato il pareggio. Ma se una squadra gioca bene e concentrata solo nelle gare in cui le motivazioni arrivano da sole, non viene il sospetto che nelle gare dove ci vuole un motivatore esterno per tenere alta la tensione Rafa non sia stato in grado di farlo? Questo Napoli assomiglia un po’ a lui, Benny il Pacioccone, detto da me che sono più grasso di lui non è un’offesa, ma una bonaria constatazione;


6)    quello che sa schierare la formazione migliore del momento: non solo in base al minutaggio (allora allenerebbe il PC), ma anche in base sì allo stato di forma ed all’usura (vedi Callejon impresentabile), ma anche all’umore, al morale del giocatore (non si può togliere chi spaventa col solo nome gli avversari, chi è col morale alle stelle perché reduce da una doppietta o tripletta o da un gol importante o da una prestazione importante, lo dice pure il capitano del Chelsea Terry che il troppo turn over genera confusione e manda in crisi gli atleti, l’ha vissuto sulla sua pelle con Benitez): che ne parliamo a fare, vogliamo parlare dell’ultima perla, l’uscita di Higuain al 75’ che ha certificato la sconfitta di Roma, o Higuain non schierato con l’Atalanta, come in passato fatto per Mertens, Zapata e Hamsik appena reduci da gol importanti e col morale a mille? Ed Hamsik in panchina da 4 gare consecutive con de Guzman unico titolarissimo? Scelte al limite del delirio! I giocatori importanti non dovrebbero mai uscire dalla formazione titolare ma semmai sostituiti in corso d’opera, sono i comprimari da far ruotare, questo mi suggerisce l’esperienza di tanti anni e quanto mi dicono persone competenti che fanno calcio da sempre;


7)     quello che sa leggere le partite e variare durante la gara i sistemi di gioco funzionalmente al momento della gara: mai una volta, dico una volta, che si sia visto. Montella alterna ben 4 tipi di sistemi di gioco durante le gare, Mancini - che pure sta facendo malissimo - a Napoli ha trovato il pareggio cambiando 2 volte sistema di gioco, Allegri alterna sapientemente il rombo al 3-5-2, perfino Jardim col Monaco ha recuperato passando dal 4-2-3-1 al 4-3-3 nell’intervallo col Saint’Etienne, Rafa mia. Immutabile nei secoli. Avesse un passato da Carabiniere? Fedele nei secoli (alle sue idee). A me hanno insegnato che chi si innamora troppo delle proprie idee è ciuccio e presuntuoso, o come minimo un narciso. Una sera Simonelli lo disse, è narcisismo…


8)      quello che sa gestire la gara, cioè fare i cambi giusti al momento giusto: sia come tempistica, sia come capacità di sparigliare le carte in campo. Anche l’allenatore si gioca la partita, come e più dei giocatori stessi. Questo forse è il punto dei punti. Sempre ruolo su ruolo, mai una variante. Il terno di Benitez poi ha fatto epoca! 62-75-82 o giù di lì, questi i minuti immancabili dei cambi, accada quel che accada. L’Atalanta resta in dieci al 55’? Non importa! La Roma va in vantaggio al 25’? Non conta! L’Inter sfonda di continuo con Santon sulla sinistra? Tutto va bene a Camelot, dice il banditore. Rafa è un allenatore situazionista, cioè sono i giocatori che si devono adattare alla situazione, non lui al quadro tattico che gli avversari gli cambiano in corso d’opera o ai mis-match ch si creano durante la gara tipo Callejon-Santon quest’anno e Joaquin–Revelliere l’anno scorso, ad esempio. Ah, ma lui questo non lo sa fare, non chiedeteglielo, lui è un Grande a prescindere! Io quando sento ‘ste cose esco pazzo, e penso con tristezza e pena a tutti quei poveri tecnici italiani che se la devono sfangare e per molto meno vengono cacciati a pedate…


Ben 8 capi d’accusa che rendono Benitez ai miei occhi colpevole della sentenza che ormai ripeto come un mantra: se il Napoli in questi anni non ha approfittato prima della crisi della Juve e poi di quella delle milanesi (e quando ricapita?) e non ha lottato per lo scudetto le responsabilità sono sicuramente del Presidente, che non ha mai voluto lottare per vincere, vedendo lo scudetto come una mantide religiosa che fagocita tutto, alzando i costi in maniera fissa e quindi l’asticella oltre il pareggio di bilancio, novello Ferlaino, quello dei primi 3 lustri.


Se il Napoli però in campionato non finisce almeno terzo e non va in Champions, la colpa è tutta di Benitez.


Non basta dire che non ha avuto i giocatori importanti come alibi. Per finire terzo li aveva eccome. Da quando il Napoli è tornato in serie A i numeri dicono che dopo la Juve è la squadra che ha investito di più al netto delle cessioni (in valore assoluto la Roma ha speso più del Napoli ma ha ceduto molto di più pezzi da 90).


Semmai il guaio è che ha speso male sia per colpa dello staff tecnico (indicazioni sbagliate di Mazzarri e Benitez) e soprattutto errori di mercato di Bigon che si è fatto le ossa a Napoli ma non era adeguato al ruolo quando è arrivato.


Nel caso specifico, gli errori di De Laurentiis sono essenzialmente due: i maledetti diritti di immagine (ma con Higuain ci hanno salvato perché grazie ad essi non abbiamo preso Damiao e virato sul Pipita) e la mancanza di una struttura tecnica adeguata e con autonomia di budget e decisionale, come dicevamo all’inizio.


Pensate che in difesa il Napoli ha speso 31 milioni per i 4 centrali che ha, nessuno soddisfacente: 12 Albiol, 9 Britos, 7,5 Koulibaly, 2,5 Henrique.


Solo la Roma ha speso di più per Manolas (12), Castan (7), Yanga-Mbiwa (7) e Astori (12). Neanche la Juve, che Chiellini se l’è trovato in casa e Barzagli l’ha preso a parametro zero: Bonucci 12 e Ogbonna 15.


E nessuno dei club di vertice ha speso 18 milioni per un centrocampista come ha fatto il Napoli.


Il Napoli ha purtroppo sbagliato i top player di settore (Albiol e Inler) o non ha potuto sfruttarli (Zuniga).


Pensate se invece di Britos, Albiol, Inler e Vargas (oltre 50 milioni di euro per prendere dei top player di reparto) il Napoli avesse preso 4 giocatori di livello che squadra avremmo oggi.


Questo alibi agli occhi miei non salva però Rafa dalle sue responsabilità.


Gli 8 punti sopra esposti, le spiegazioni date precedentemente su fatturati, monte-salari ed i voti degli addetti ai lavori, nonché il valore della rosa, che vedono squadre dietro al Napoli in tutti questi parametri sopravanzare il Napoli in classifica, i tanti gol subiti in maniera seriale, i tanti pareggi e rimonte subite contro piccole squadre sono uno J’accuse difficilmente smontabile.


Rafé, ti salva solo l’Europa League. Se la vinci, dimenticheremo il tuo fallimento, che in campionato è certificato.Altrimenti, tu vai via, e noi rimarremo con le macerie da te lasciate.


Mannaggia, ma è mai possibile che a Napoli la strada è sempre tutta scassata?

 

PS: per chi mi taccia di incoerenza, e di essere una banderuola, faccio notare una cosa: questo editoriale è un collage di articoli e post precedenti, di un percorso lungo due anni, con pochissime varianti. Mi sono divertito a citarmi ed incollarmi, tanto dico sempre le stese cose. Lo so, sono vecchio e brontolone, dico sempre le stesse cose…

 

© Umberto Chiariello

MondoNapoli, 6 aprile 2015

 

Altro in questa categoria: QUEL FANTASTICO GIOVEDI' »
Login to post comments